Il primo storico Congresso MSAC

Da sinistra verso destra: ROLANDO GASPERONI (Presidente diocesano), EMANUELA GARAVINI (Incaricato regionale MSAC Emilia-Romagna), MARCO RINALDI (neo-eletto Segretario diocesano), SARA TOMASSINI (neo-eletta Vice Segretaria diocesana), LORENZO ZARDI (Vice Segretario nazionale MSAC), S.E. Mons. ANDREA TURAZZI (Vescovo di San Marino – Montefeltro)

Che emozione trovarsi in una sala piena di studenti e giovani, ai quali sta a cuore la stessa cosa: la scuola. Ciò che li accomuna è l’essere pronti ad impegnarsi in una nuova impresa desiderata in Diocesi da tante persone da almeno dieci anni. Questa è una piccola cornice di quello che è stato il primo Congresso di MSAC nella nostra diocesi, avvenuto il 12 gennaio di quest’anno.
Ma cos’è MSAC? il Movimento Studenti di Azione Cattolica è una piccola grande ramificazione dell’ACI (Azione Cattolica Italiana), vissuta dai giovanissimi delle superiori che si impegnano nella vita di tutti i giorni per migliorare la propria scuola e soprattutto per viverla da veri protagonisti. La sua caratteristica peculiare è di coinvolgere tutti gli studenti, anche – e soprattutto – quelli lontani da un cammino di fede strutturato.
Sembra una grande utopia, è vero, però è esattamente quello che è successo nella parrocchia di Novafeltria domenica scorsa. Insieme ad alcuni giovani sostenitori, il più grande piacere e onore è stata la presenza del Vescovo Andrea, di Don Mirco e di Don Mansueto, importanti ed entusiasti accompagnatori in questo viaggio appena iniziato. Inoltre, non è mancato l’immancabile appoggio dei circoli MSAC già esistenti nella nostra regione e non solo.
Ma cos’è il congresso Diocesano? È innanzitutto una festa, durante questa giornata succedono due cose fondamentali: i “msacchini” (vengono chiamati così coloro che fanno parte del movimento) eleggono i Segretari diocesani, ovvero coloro che guideranno e rappresenteranno il circolo nel triennio 2020-2023, inoltre si approva il Documento congressuale scritto, in questo caso, dagli Incaricati alla Formazione, documento che li accompagnerà in questi tre anni di responsabilità.
È un’occasione per cui dire grazie e per cui sentire il dovere di sognare in grande a partire dalla nostra piccola realtà. Viene un po’ da sorridere pensando – come partecipante dell’assemblea – che in un normale pomeriggio un po’ annuvolato abbiamo scritto una parte di storia della nostra Diocesi. Tutto questo rimarrà negli annali e la speranza è quella che tutto ciò sia l’inizio di una grandissima avventura che ha un solo scopo, “Scegliere il NOI”, non parlando di “noi” come msacchini, ma comprendendo chiunque voglia prendere quello che ha, per trasformarlo in qualcosa di grande per tutti.
Il motto che ha accompagnato il Congresso, infatti, è “I CARE” (mi sta a cuore), ripresa prima dal nostro Vescovo, poi dagli Incaricati della Formazione. Frase di Don Milani che incoraggia noi studenti a non vivacchiare, ma prendere le redini della scuola, consapevoli delle possibilità e opportunità che si possono cogliere da essa.
Con orgoglio si può condividere con tutta la diocesi che, alla fine della giornata di domenica 12 gennaio, sono stati eletti come Segretari Diocesani: Rinaldi Marco dell’AC Novafeltria e Tomassini Sara dell’AC Serravalle. Loro, insieme a tutti i loro compagni dell’équipe, si occuperanno del neonato circolo e porteranno avanti questa magnifica realtà.
Non ci resta che dargli tutto l’appoggio possibile e augurargli “Buona fortuna!”.

Davide Colombini
Incaricato alla formazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *